buzzoole code

La vera storia di Winnie The Pooh e Christopher Robin

Decenni prima che in TV avessimo questa pletora di baby star, un ragazzino di nome Christopher Robin Milne venne spinto sotto i riflettori e divenne il bambino più famoso dell’epoca. Ancora oggi viene raffigurato nei cartoni animati di Winnie the Pooh e vengono prodotti dei film sulla sua vita, tra cui Vi presento Christopher Robin (Goodbye Christopher Robin) del 2017, e l’imminente film del 2018 con Ewan McGregor intitolato Ritorno al Bosco dei 100 Acri (Christopher Robin, in originale). Ma in pochi, specialmente in Italia, conoscono la vera storia di Winnie The Pooh e Christopher Robin.

Ma quanto sono accurati questi film e quanto raccontano della vera vita di Christopher Robin? Mentre l’amata storia originale di Winnie the Pooh inizia come un viaggio nell’innocenza dell’infanzia, la vera storia diventa piuttosto oscura e alla fine tutti coloro che sono coinvolti nella creazione dei libri se ne pentono.

Alan Alexander Milne era il padre di Christopher Robin e il creatore di Winnie the Pooh. Molto tempo prima che scrivesse storie per bambini, Milne era uno scrittore ed editore di commedie per la rivista Punch, oltre che un commediografo famoso. Dopo aver prestato servizio durante la prima guerra mondiale, trovò piuttosto difficile continuare a scrivere commedie e decise quindi di parlare della politica della guerra.

Milne viveva a Londra con sua moglie Daphne e suo figlio Christopher, ma decise che avevano bisogno di un posto per allontanarsi dalla grande città, così acquistò una casa estiva vicino alla foresta di Ashdown nel Sussex, che è anche conosciuta come Bosco dei Cinquecento Acri. Inutile dire che servì come ispirazione per il “Bosco dei 100 Acri” di Winnie The Pooh.

Mentre scriveva in piena campagna, Milne arrivò alla conclusione che dopo anni di tragedia, le persone erano pronte ad andare avanti, e non erano pronte a leggere dei suoi pensieri sulla guerra. Volevano disperatamente leggere storie felici e spensierate. Trasse quindi ispirazione dalla sua fonte di felicità, ovvero suo figlio di 6 anni, Christopher Robin.

Il ragazzo amava giocare nei boschi con il suo orsacchiotto di peluche, che ha ricevuto da piccolo. Sua madre aveva chiamato l’orso “Edward”, ma Christopher aveva deciso di cambiarne il nome in Winnie, dopo aver visto un orso canadese nello zoo di Londra chiamato Winnipeg. Nel corso degli anni, Daphne ha continuato a comprare a suo figlio altri animali di peluche dai grandi magazzini Harrods, tra cui un asino, un canguro, una tigre e un piccolo maialino. Da bambino, Christopher Robin giocava spesso da solo e con la sua tata, e sua madre lo incoraggiava a simulare dei giochi con la sua collezione di amici animali.

Il vero Winnie The Pooh

Un giorno, Milne fu ispirato a scrivere una poesia su Christopher Robin che diceva le sue preghiere prima di andare a letto. La intitolò “Vespri” e la regalò a sua moglie. Venne successivamente pubblicata sulla rivista Vanity Fair. Il pubblico amò leggere il dolce poema sul ragazzino e iniziò a volerne di più. Nel momento in cui scoprirono che questo piccolo personaggio era in realtà il figlio dell’autore, improvvisamente ogni giornale e programma radiofonico voleva un’intervista con Christopher Robin.

Dopo aver lavorato nel settore dell’editoria per anni, Milne sapeva che avevano bisogno di approfittare di questo clamore e vendere più storie. Chiese quindi al suo amico e collaboratore, E.H. Shephard, di disegnare le illustrazioni. Così iniziò a lavorare sulla scrittura di storie che parlavano di Christopher Robin. Le storie erano liberamente ispirate alle avventure immaginarie di suo figlio. Pubblicò una raccolta di poesie intitolata Now We Are Six, e alla fine passò dalla poesia alla narrativa per bambini con le avventure di Winnie the Pooh.

Illustrazione originale Winnie The Pooh e Christopher Robin

Il pubblico adorava Christopher Robin. Riceveva lettere di fan su base giornaliera. Presenziò a eventi pubblici, raccontò lui stesso alcune delle storie e recitò in una commedia teatrale su Winnie the Pooh. Come la maggior parte delle baby star odierne, in realtà amava la fama e l’attenzione che stava ottenendo. Lo faceva sentire speciale sapere che tutti volevano essere suoi amici. Dal momento che si stava divertendo così tanto, i suoi genitori continuarono a spingerlo sotto i riflettori e si goderono i benefici di essere ricchi e famosi.

Anche se i suoi genitori erano accecati dalla fama, sua zia e suo zio non approvavano e raccontavano di come fosse stato derubato di un’infanzia normale. Quando finalmente Milne se ne rese conto, decise di interrompere la pubblicazione delle storie di Winnie the Pooh. Tuttavia, anche se ha aveva smesso di scrivere nuovi libri, c’era ancora una grande richiesta di ristampe e il clamore non si è placò mai realmente. Anche quando cercò di tornare a scrivere per gli adulti, i critici misero a confronto il lavoro di Milne con le sue storie per bambini, sostenendo che i suoi nuovi personaggi non erano altro che una versione di “Christopher Robin cresciuto”.

Il lavoro di Milne non fu l’unico a soffrire dopo la pubblicazione delle avventure di Winnie Puh. L’illustratore E.H. Shepherd lavorava come fumettista politico per Punch Magazine. Ai suoi occhi, il lavoro che fece con Milne fu solo un favore occasionale per un amico. Dopo che i libri divennero così popolari, però, questo oscurò il lavoro che stava facendo con le sue illustrazioni a tema politico. Venne criticato per aver copiato gli stili di altri illustratori e le battute non furono mai abbastanza buone da resistere alla prova del tempo. I disegni di Winnie the Pooh, invece, erano indiscutibilmente il suo miglior lavoro, ma Sheperd era risentito del fatto che fosse quella la sua eredità. Ogni volta che qualcuno gli parlava dei libri, chiamava Pooh “quello sciocco vecchio orso”.

Nel 1930, quando Christopher Robin aveva 10 anni, i suoi genitori decisero che era ora di allontanarlo dai riflettori e cercare di dargli un’istruzione. Fu mandato in collegio e la sua infanzia magica iniziò a sgretolarsi quando gli altri ragazzi cominciarono a bullizzarlo e prenderlo in giro per Winnie the Pooh. Nel corso del tempo crebbe fino a odiare quelle storie e si risentì con suo padre per aver rivelato il suo vero nome e il suo aspetto a tutto il mondo.

Andò al college a Cambridge e si arruolò nell’esercito all’inizio della seconda guerra mondiale. Quando il suo periodo nell’esercito terminò, iniziò a cercare un impiego, ma ogni singolo datore di lavoro riconosceva il suo nome e chiedeva di Winnie the Pooh. Invece di assumerlo in base al suo curriculum, tutti credevano già di conoscerlo e lo giudicavano basandosi su un personaggio immaginario. Ciò fece arrabbiare moltissimo Christopher, perché si sentiva come se suo padre lo avesse derubato della possibilità di affermarsi per come era realmente. Tecnicamente, i libri avevano reso la famiglia di Christopher Robin così ricca da consentirgli di non dover lavorare per guadagnarsi da vivere, ma questo era risentito a tal punto per l’eredità lasciatagli da Winnie the Pooh da rifiutare di prendere i soldi che i libri gli portavano. Voleva lavorare e supportarsi come una persona normale.

Quando aveva 27 anni, Christopher Robin conobbe una sua cugina di primo grado dalla parte materna, Lesley de Selincourt. Non erano mai cresciuti insieme da bambini, perché sua madre, Daphne, non era in buoni rapporti con la sua famiglia. Si innamorarono e si sposarono. Come ormai ben sappiamo, non è una buona idea sposare un proprio cugino di primo grado e la madre di Christopher Robin disapprovava fortemente la loro relazione. Suo padre, d’altra parte, voleva solo che fosse felice e diede loro la sua benedizione.

Dopo aver sposato Lesley, aprirono una libreria insieme e misero su famiglia. Sfortunatamente, probabilmente a causa del loro stretto rapporto familiare, la figlia di Christopher e Lesley, Clare, nacque con una grave paralisi cerebrale e cifosi. Aveva bisogno di infermieri per stare con lei 24 ore al giorno. Questa fu la prima volta che Christopher cominciò a malincuore ad accettare un po’ di soldi dalla fortuna di Pooh, ma ne prese solo quanto bastava per dare a sua figlia le migliori cure mediche possibili. Dopo la morte del padre, Christopher Robin smise di visitare sua madre, perché la loro relazione era ormai irreparabile. Non si videro mai più. Anche sul letto di morte, affermò di non volerlo vedere.

A.A. Milne morì nel 1952 e la Disney acquistò i diritti per usare i personaggi di Winnie the Pooh per la prima volta negli anni ’60. Pagarono le royalties ai Milne due volte all’anno fino al 2001, quando decisero di acquistare i personaggi per una somma forfettaria di 350 milioni di dollari. Dal momento che Christopher Robin aveva rifiutato di prendere quei soldi, il ricavato andò tutto alla Royal Literary Society e al The Garrick Club di Londra. A Clare vennero dati 44 milioni di dollari, che furono utilizzati curarla in una struttura di trattamento. Sebbene possa sembrare una grande quantità di denaro, la Disney ha fatto decisamente un ottimo investimento, guadagnando ben 2 miliardi di dollari ogni anno da Winnie the Pooh.

All’età di circa 60 anni, Christopher Robin disse che poteva finalmente guardare i libri di Winnie the Pooh senza crollare. Cominciò ad apparire nuovamente in pubblico e donò i suoi animali di peluche alla biblioteca della città di New York, dove sono tutt’ora conservati. Christopher morì nel 1996.

C’è una targa in onore di A.A. Milne nel Bosco dei Cinquecento Acri, e i bambini viaggiano ancora fino a lì per vedere dove una volta giocavano il vero Winnie the Pooh e Christopher Robin. E sebbene Winnie the Pooh possa aver causato un po’ di dolore nella vita delle persone che lo hanno creato, le storie che sono sopravvissute hanno reso felici i bambini di tutto il mondo, e continueranno a farlo anche per le generazioni a venire.

Fonte: The real story of Christopher Robin

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title="" rel=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>