buzzoole code

L’elenco delle 10 fobie più assurde di cui soffre la gente

Tutti noi abbiamo una qualche ossessione o paura irrazionale, ma quali sono le 10 fobie più assurde, talmente bizzarre da averne sempre ignorato l’esistenza? Dimenticate aracnofobia e agorafobia, le cose che più spaventano l’uomo al giorno d’oggi sono di ben altra natura e, per definirle con una sola parola, paradossali.

Le fobie più assurde

Efebifobia - paura della giovinezza

Efebifobia

L’uomo del ventunesimo secolo ha paura dei giovani. Tutti quanti sono stati giovani a un certo punto delle loro vite, il che rende questa fobia ancora più insolita. Eppure, secondo quanto emerso da studi e analisi, il mondo d’oggi ha paura degli adolescenti, probabilmente a causa della loro cattiva reputazione e del modo negativo in cui vengono rappresentati dai media. Ricordate però, mai fare di tutta l’erba un fascio!

Optofobia

Sbattere le palpebre è un riflesso incondizionato per la maggior parte di noi, avreste mai detto che per alcuni potesse essere causa di ansia e stress? Si ritiene che sia provocato dall’aver assistito a qualche evento traumatico o sconvolgente, tale da trasformare un gesto automatico in motivo di panico.

Ergofobia

Genericamente descritta come ‘paura di lavorare’, include non solo lo stress da ricerca del lavoro (quanto mai diffuso oggi come oggi), ma anche l’ansia da prestazione lavorativa: in un mondo in cui ottenere dei risultati è diventato di vitale importanza, la paura di fallire e non riuscire a raggiungere i propri obiettivi si è tramutata in una malattia. Dubitiamo però che il vostro capo possa riconoscerlo come giustificato motivo per restare a casa.

Hippopotomonstrosesquipedaliofobia

In effetti, solo il nome di questa fobia fa spavento, oltre che essere impronunciabile. A guardare questo termine provo un istintivo moto di solidarietà e comprensione nei confronti di chi soffre di questa bizzarra patologia: meglio attenersi a parole brevi e incisive, la vità è già fin troppo complicata.

Eliofobia

Il sole è fonte di vita per il nostro pianeta e la nostra specie, per quanto un’esposizione prolungata ai suoi raggi sia ritenuta estremamente pericolosa e dannosa. D’altra parte, il rovescio della medaglia è dato da una scarsa e insufficiente esposizione agli effetti benefici di questa stella: coloro che temono il sole e lo rifuggono come la peste, sviluppano di frequente problematiche di vario genere.

Geniofobia

Sì, parliamo proprio del mento come della parte anatomica posizionata al di sotto della bocca. Capirete bene che una fobia di questo genere è quanto mai spiacevole, visto che non c’è modo di sfuggirvi. Come è facile intuire, questa paura complica non poco le relazioni sociali: pensate a trovarvi costantemente sbattuto in faccia l’oggetto del vostro terrore.

Xantofobia

Il giallo è tutto intorno a noi, come recitebbere un noto spot pubblicitario: dal sole ai fiori, passando per cibi, bevande e oggetti più disparati. Esiste anche una paura dei colori in generale (cromatofobia) o di altri colori nello specifico, ma per qualche motivo è il giallo a suscitare maggiori scompensi nelle persone.

Uranofobia

Cosa c’è dopo la morte? E’ probabilmente l’ignoto che accompagna questa domanda a generare l’uranofobia. Per molti è la paura di morire e di scoprire cosa si nasconde nell’aldilà, per altri è il terrore di dover sottostare al giudizio eterno.

Deipnofobia

Vi siete mai imbattuti in qualcuno che non parla molto quando vi sedete a tavola? Ebbene, la persona in questione potrebbe essere affetta da deipnofobia, cosa che pregiudica le sue doti dialettiche di fronte ai pasti. In tal caso, non allarmatevi e guardate al lato positivo: potete godervi il vostro pranzo in santa pace, senza essere disturbati!

Penterafobia

Si potrebbero scrivere libri a non finire sul conflittuale rapporto tra genero e suocera o nuora e suocera poiché tutti, in qualche modo, sono intimoriti dalla madre del proprio consorte. Tuttavia, la penterafobia va ben più in profondità e spesso, purtroppo, ha origini traumatiche. Di certo rende le festività in famiglia ancora più angoscianti.

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title="" rel=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>